Recensione di “IL LEGAME DI MICHAEL” (Sex in Seattle – Vol.3) di Eli Easton

 

 

 

 

 

 

 

Tutti ammirano Michael Lamont perché è un infermiere, ma il suo impiego part-time come surrogato sessuale gay non suscita solo alzate di sopracciglia, gli è anche costato delle relazioni. Michael è minuto, bellissimo e si dedica a lavorare con persone che hanno bisogno di lui. Ma quello che desidera davvero è una storia d’amore tutta sua. Passa la maggior parte del tempo libero a leggere libri di fantascienza, soprattutto quelli scritti dal suo autore preferito, per cui ha una cotta da sempre, il misterioso e solitario J.C. Guise.

La vita di James Gallway sta lentamente, ma inesorabilmente, colando a picco. Ha scritto un romanzo di fantascienza di grande successo alla tenera età di diciotto anni, costretto a letto dalle complicazioni della poliomielite, ma, ormai ventottenne, non ha più ispirazione né voglia di vivere. Le vendite dei suoi libri sotto lo pseudonimo di J.C. Guise sono in calo da anni. Costretto su una sedia a rotelle, James si è isolato, convinto che nessuno possa amarlo. Quando viene obbligato a partecipare a un firmacopie e incontra Michael Lamont, non riesce a credere che un ragazzo del genere possa essere interessato a uno come lui.

Michael e James sono fatti l’uno per l’altro, ma devono lasciare da parte la testardaggine per capire che la vita trova sempre la sua strada e che l’amore non ha limiti.

Ho amato moltissimo questo romance MM per tanti e, molto diversi, motivi. Anzitutto da romantica cronica quale sono ho trovato tutti i canoni che mi fanno battere il cuore: la dolcezza, l’incontro, l’educazione, il rispetto, la generosità e splendidi slanci del cuore. Oltre all’amore, o meglio, insieme all’amore romantico ho trovato una piccante e sana passione che completava il rapporto fra i due protagonisti e che rende vero e pieno il rapporto. Da ultimo il tema trattato della disabilità di uno dei due protagonisti, come l’approccio professionale dell’altro visto come una missione e non un semplice lavoro hanno permesso ai sentimenti di fuoriuscire e di vibrare nell’animo di chi legge.

Andiamo per ordine. Il romanzo narra la storia di due ragazzi. James che è rimasto disabile dalla poliomielite a soli 5 anni; abbandonato in una casa di accoglienza, è divenuto negli anni un grande scrittore di fantascienza. Tuttavia, proprio a causa della sua condizione e dei rifiuti ricevuti nella vita, si è rinchiuso in se stesso e quasi non esce di casa evitando tutto il genere umano. L’altro invece, Michael, è l’opposto: solare, pieno di vita, lavora come infermiere vivendo il suo lavoro con il cuore, ascoltando e comprendendo i pazienti, spingendosi fino a fare il surrogato sessuale proprio per aiutare chi ha gravi problemi di affetto e stima.

L’incontro tra i due è davvero insolito, un firmacopie fra autore e fan, che nel prosieguo della narrazione diventa quasi uno scontro fra chi è chiuso e chi vuole entrare, fra chi ha paura di soffrire e chi vuole lenire il dolore, comunque fra due animi bisognosi di amare ed essere amati e si sa l’amore vince ogni cosa, ogni chiusura, ogni fraintendimento.

Una storia dolcissima quanto amara al tempo stesso, che va ascoltata e rispettata e dalla quale, secondo me, si imparano moltissime cose, prima fra tutte cosa significhi amare davvero una persona sacrificando tutto per lei e accettandone i pregi così come i difetti.

Da leggere assolutamente.

 

SENSUALITA’

RECENSIONE DI

EDITING A CURA DI

Our Score

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA