Recensione di “Ereditare il cielo (Vol.1)” di Ariel Tachna

Caine Neiheisel è intrappolato in un impiego senza prospettive e alla fine di una relazione che di prospettive non ne ha più, quando all’improvviso gli si presenta l’occasione di una vita: sua madre eredita un allevamento di pecore nel Nuovo Galles del Sud, Australia. Per Caine è l’occasione di ricominciare, là in mezzo ai pascoli, dove la sua balbuzie non sarà più un ostacolo e dove la sua voglia di lavorare potrà certamente compensare la mancanza di esperienza.

Sfortunatamente, però, il sovrintendente di Lang Downs, Macklin Armstrong, che dovrebbe essere il suo più grande alleato, alterna momenti di freddezza ad altri di chiaro disprezzo. Gli altri membri della squadra, invece, sono più interessati al suo accento americano che impressionati dalla sua situazione… fino a che non scoprono che Caine è gay, e allora il divertimento si trasforma in disprezzo. Sarà necessaria tutta la sua determinazione – e un crudele atto di sabotaggio da parte di un vicino ostile – per unire gli uomini di Lang Downs e dare a Caine e Macklin la possibilità di scoprire l’amore.

Caine non è felice della sua vita. La sua balbuzie è un problema, il suo lavoro non lo soddisfa, il suo compagno lo ha lasciato. Quindi, quando sua madre eredita un allevamento di pecore in Australia, Caine decide di mettersi in gioco e di sfruttare quell’occasione, certo che lì troverà il suo posto. Non sa nulla di pecore ma ha una laurea in economia e tanta voglia di lavorare.

Tutte le sue buone intenzioni però vengono ostacolate da Macklin, il sovrintendente di Lang Downs, e dalla diffidenza dei jackaroo. Anche l’ostilità per il suo orientamento sessuale sembra essere un ostacolo pesante da affrontare.

Mack vive a Lang Downs da quando aveva sedici anni. Quella è la sua casa e quando Caine arriva, portando con sé la sua balbuzie, il suo accento americano e una totale inesperienza, lui lo accoglie con freddezza e disprezzo. Ma l’amore, si sa, colpisce quando meno te l’aspetti. Così, mentre Caine dovrà tenere duro e dimostrare ai lavoranti che è lì per restare e rendere Lang Downs la sua casa e dovrà imparare a farsi rispettare e accettare, Mack dovrà combattere contro il desiderio che prova per l’uomo e decidere che forse, per amore, vale la pena correre il rischio di uscire allo scoperto…

Primo libro di una serie, e devo dire che questo racconto mi è piaciuto. Ho apprezzato la caparbietà di Caine e anche il lato sprezzante di Mack. Una bella e consigliata lettura per passare qualche ora nell’outback.

 

SENSUALITA

RECENSIONE A CURA DI

EDITING A CURA DI

Our Score

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA