Recensione di “D’ improvviso il mare” di Vanessa Vallascas

 

 

 

 

 

 

Sei un’immagine che mi appartiene.
Un’impronta di labbra sul bicchiere
/la tua bocca sulla mia/
un profilo in controluce
un ricordo adagiato sul cuscino.
D’improvviso, il mare è una raccolta di poesie in cui è protagonista l’amore, con i suoi corsi e ricorsi, le sue storie tormentate in cui tutto sembra finito, ma poi nulla finisce, perché l’amore, come l’araba fenice, rinasce continuamente dalle proprie ceneri. A far da sfondo il mare, le sue onde incessanti, le brezze lievi, la danza della risacca, i voli di gabbiani in un cielo di nuvole gitane.

Avete presente quella dolcezza con cui i fiocchi di neve silenziosi si posano sulle case, sugli alberi e sulle cose?

Quel magico silenzio che avvolge il tutto sotto la morbidezza candida della neve?

Ecco le sensazioni che mi ha dato leggere questa delicatissima e dolcissima raccolta di poesie.

Poesie che sono la proiezione esterna di una meravigliosa anima colma di forte sensibilità ed amore per le parole.

L’autrice mi ha piacevolmente sorpresa, facendomi tornare ad un mio vecchio amore, quello per la poesia.

Parole che sono musica per l’anima e che leniscono le ferite più profonde del  cuore .

Poesie da leggere e rileggere nel tempo perche’ possono farci ritrovare qualcosa di perduto.

Bella la cover, l’impaginazione delle poesie, ma bella soprattutto la persona che riesce ad esprimere con delle semplici parole la complessita’ delle emozioni.

In questo caso colgo l’occasione per ringraziare l’autrice e per evidenziare la mia intenzione di continuare a leggerla ancora.

 

RECENSIONE A CURA DI

EDITING A CURA DI:

Our Score

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA