Recensione “Demon’s Angel (I Signori degli Inferi Vol. 5)” di Gena Showalter

9

 

 

 

 

 

In una remota fortezza di Budapest, seducenti guerrieri immortali sono legati da un’antica maledizione che nessuno è mai riuscito a infrangere…

Un feroce guerriero coperto di tatuaggi…

Un angelo caduto che rinuncia a tutto per stare con lui…

Per settimane Aeron ha sentito accanto a sé un’invisibile presenza femminile. È Olivia, un angelo incaricato di ucciderlo. Lei sostiene di aver rinunciato all’immortalità perché non sopportava l’idea di fargli del male, ma fidarsi e innamorarsi di lei metterebbe in pericolo tutti i guerrieri della Fortezza. E il suo demone, Ira, non è disposto a permetterlo. Come ha fatto quella “mortale” dagli innocenti occhi azzurri a scatenare in Aeron una passione così sfrenata?

Quinto capitolo della serie dei Signori degli Inferi e, se pensate che il vostro interesse inizierà a scemare, beh, vi sbagliate di grosso.

È il turno di Aeron. Lo abbiamo ovviamente già incontrato nei libri precedenti, soprattutto quando aveva l’ordine di uccidere Danika, la compagna di Reyes, il custode di Dolore.

Abbiamo imparato a conoscere il suo animo tormentato, un animo che solo il demone Legione sembra essere in grado di calmare. Ira è il demone che vive dentro questo guerriero ricoperto di terrificanti tatuaggi. Aeron non pensa all’amore, il suo animo è troppo oscuro per farlo, fino a quando nella sua vita arriva Olivia, un angelo caduto. Olivia è caduta per lui, perché non tollerava l’idea di doverlo uccidere. La loro storia è forse una delle più tormentate ma, a mio avviso, anche una delle più dolci.

Aeron e Olivia non hanno molto tempo e il destino di Aeron sembra essere segnato, deve morire e Olivia non può salvarlo. Ho amato fin dall’inizio il personaggio di Aeron, il suo essere schivo ma allo stesso tempo fedelissimo agli altri Signori. Aeron farebbe di tutto per loro e, quando inizia ad innamorarsi di Olivia, troviamo un uomo che la mette al primo posto pur sapendo che i loro destini non resteranno legati a lungo.

Davvero un bellissimo libro. Assolutamente consigliato.

 

SENSUALITA’

RECENSIONE DI

EDITING A CURA DI

Sharing is caring!

Our Score

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA