Recensione “Contro la tenebra (Kick at the darkness Vol. 1)” di Keira Andrews

 

 

 

 

 

Per sopravvivere all’apocalisse zombie, prima dovranno sopravvivere l’uno all’altro.
Parker Osborne, matricola del college, sta passando il peggior giorno della sua vita. Si è messo in imbarazzo da solo cercando di rimorchiare un ragazzo carino, a scuola non si è ancora fatto nessun amico, e l’assistente della professoressa, un tizio ridicolmente sexy, ha dato un pessimo voto al suo saggio. Ha intenzione di mollare il corso di Adam Hawkins sul Cinema e di ricominciare da capo l’indomani, dopo aver tenuto ben bene il broncio.
Ma sta per scoprire com’è una brutta giornata di quelle vere… se riesce a sopravvivere alla notte.
Viene rilasciato un virus che trasforma le persone infettate in assassini simili a zombie. Quando quelle creature rapidissime e agghiaccianti sciamano nel campus, Parker riesce a fuggire solo perché Adam lo carica sul sellino posteriore della sua fidata moto. Adesso sono in fuga… e bloccati l’uno con l’altro.
Quando non si spostano con la moto, combattono contro gli infetti in una sanguinosa lotta per la sopravvivenza. La loro unica speranza è andare verso est, dove c’è la famiglia di Parker. Ma Adam, l’orfano, nasconde un segreto che non è certo Parker possa accettare: è un lupo mannaro. Riusciranno a fidarsi l’uno dell’altro quanto basta per trovare un po’ di luce in tali giorni di tenebra?

Parker e Adam vi conquisteranno!  Tutto il libro non potrà fare altro che conquistarvi se amate il fantasy e il gay romance. Sì, perché questo libro è un bel mix perfetto dei due generi.

Ma andiamo con ordine.

Parker è una matricola, è intelligente ha sempre avuto buoni voti quindi, quando prende un voto negativo in una materia che considerava facile e secondaria, va un po’ fuori di testa. A dargli il voto negativo è Adam, assistente del professore, bello da togliere il fiato e che non ha alcuna intenzione di ritrattare quel voto e il giudizio sul lavoro di Parker.

Giuro, immaginare un Parker che pesta i piedi è stato naturale come respirare. Perché Parker è un po’ un saputello all’inizio del libro ma poi scopri che molta di quella corazza è solo insicurezza e allora inizi un pochino ad adorarlo.

Poi arrivano gli zombie, un apocalisse zombie. In molto muoiono e Parker e Adam possono solo scappare, insieme. Durante la fuga affrontano zombie, persone come loro in fuga che li aiutano, altri che cercano di ostacolarli. Durante la fuga succede anche qualcos’altro… si innamorano.

Ma Adam ha un segreto. Ed è un segreto bello grosso. È anche un segreto che li aiuterà a salvarsi in più di occasione e che li metterà in un gran casino in un’altra.

Una narrazione che ti cattura fin dalle prime pagine, una storia fantasy e d’amore che ti  fa sorridere ma anche sospirare. Gli ingredienti ci sono tutti e sono tutti molto buoni. Assolutamente da non perdere. Io personalmente non vedo l’ara di avere tra le mani il seguito…

 

SENSUALITA’

RECENSIONE DI

EDITING A CURA DI

Sharing is caring!

Our Score

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA