Recensione “Come una stella cadente (FALLING STARS SERIES)” di Valeria Leone

 

 

 

 

 

 

“Come una stella cadente” è un romanzo breve che narra i fatti che preludono agli eventi raccontati in “Tutto l’amore che meriti” e in “Ancora tu”.

L’amore, l’amicizia, gli inganni. La paura di crescere, la voglia di vivere. Nonostante tutto.
Laura è giovane e ha una vita bellissima alla quale non è ancora pronta a rinunciare. Fino a quando…
L’incontro con Roberto, una burrascosa storia d’amore, la possibilità di un nuovo sentimento più dolce e rassicurante. Gli inganni di un passato su cui si addensano le nubi di un mistero.
Negli affascinanti scenari di Napoli e Mykonos la potenza di una storia che racconta con parole semplici la complessità dei sentimenti con un finale che continua a far discutere.

La vita di Laura si divide tra lo studio e gli amici finché non compare Roberto, del quale si innamora a prima vista. La loro storia inizia in maniera romantica ma l’inaffidabilità di Roberto finisce per rovinare tutto. Durante una vacanza a Mykonos Laura conosce Giacomo che, con la sua pazienza e il suo amore, riesce a conquistarla standole vicino anche quando il padre le rivela un segreto di famiglia che la sconvolge. E se poi, per complicare tutto, Roberto riapparisse all’improvviso? Laura sarà capace di dar retta alla ragione o si lascerà nuovamente trascinare dall’istinto?
La vita riserva continue sorprese e sarà l’inaspettato colpo di scena finale a decidere per tutti.

“Come potevo immaginare che quando ti dicono “La vita non sai mai cosa ti riserva” intendano davvero che, da un giorno all’altro, le certezze diventano effimere, ciò che credevi stabile vacilla, ciò che pensi consolidato cede come una palafitta aggredita da un’onda?”

 

Quando inizio a leggere un nuovo libro lo comincio con il cuore in mano cercando di immergermi nella storia e viverla come se fossi parte integrante.

Con questo libro però non ci sono riuscita, è impossibile riuscirlo a leggere.

Manca assolutamente di punteggiatura, una storia banale e una scrittura sviluppata a volte in terza persona e a volte in prima.

Mi scuserà l’autrice se non ho amato il suo libro ma comunque, nonostante le difficoltà riscontrate, tenacemente sono voluta arrivare fino all’ultima pagina sperando che perlomeno nel finale si sarebbe riscattata.

Meglio che non ve lo dica come va a finire perché dopo aver letto tutto il libro un finale così… NO NO NO assolutamente NO.

SENSUALITA’

RECENSIONE DI

EDITING A CURA DI

Sharing is caring!

Our Score

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA