Recensione “Amore per tre” di Fabiola D’Amico

 

 

 

 

Klain e Simone vivono a New York. Non si conoscono, ma s’incrociano spesso a Central Park durante le loro corsette mattutine. Si piacciono, tuttavia nessuno dei due fa nulla per sbloccare la situazione, finché, quando lui salta una corsa al parco, si perdono di vista. Klain ha una figlia di sei anni, Danielle. Un giorno, confida alla piccola che gli piace una ragazza di cui però non sa nulla. La bambina chiede allora a Babbo Natale di far incontrare al padre la donna misteriosa, così che possa diventare la sua fidanzata. Klain, che ama la figlia più di qualunque altra cosa al mondo, decide di cercare di esaudire il suo desiderio. Come per magia, riesce a rintracciare Simone e viene a sapere che sta per lasciare per sempre New York. A quel punto, si fa avanti e le chiede di fingersi la sua fidanzata per il periodo di Natale. E se invece fosse per sempre?

 

A chi piacciono le favole, in particolare quelle incentrate sulla magia del Natale, questo romanzo è assolutamente consigliato. E gli altri? Vi dico solo una cosa, la parola d’ordine di questa storia è la dolcezza, quindi se avete voglia di farvi coinvolgere dai sentimenti, commuovervi, sognare ad occhi aperti allora buttatevi.

La scrittura delicata e fluida dell’autrice permette di entrare in questa storia in punta di piedi come se si stesse sbirciando dalla finestra di casa di Klain e della piccola Danielle. I ritmi padre-figlia, il loro particolare rapporto, la dolcezza dei gesti di un padre single e di una precoce bimba che sta crescendo senza una mamma ma che nel suo cuore la desidera profondamente… Ok, ora vi ho toccato il cuore ed è esattamente quello che fa l’autrice, solo che lo fa talmente bene che nel momento in cui si è coinvolti non è più possibile tirarsi indietro, e allora avanti tutta verso la favola.

Klain, famoso cantante e musicista, per sopperire alla mancanza della madre di Danielle e prendersi cura al massimo della bambina abbandona la carriera e anche la vita sociale. È felice del suo quotidiano e del suo rapporto con il piccolo amore della sua vita, ma ovviamente sente la mancanza di una compagna. È stranamene attratto da una ragazza con cui fa jogging da tempo ma con la quale non ha mai avuto il coraggio di scambiare neppure una parola.

Simone invece è una giovane artista promettente con un segreto da nascondere: un dolore provocatole da un uomo che l’ha usata e rifiutata e poi perseguitata, e non ha intenzione di aprirsi nuovamente all’amore o all’altro sesso.

Ma il destino, la magia del Natale o, peggio, la piccola Danielle aiutata dalla migliore amica di Simone che, guarda caso, ha un’agenzia di incontri, La Cupido, compiranno il miracolo di fare incontrare queste due anime fragili, ma bisognose di dare e ricevere amore. Una piccola bugia, una serie di malintesi, colpi di scena, liti e perdoni faranno conoscere e avvicinare i due protagonisti che daranno vita ad un amore unico, dolcissimo, tenero e vero, che coinvolgerà anche la piccola Danielle desiderosa di una famiglia completa.

Eppure, come in ogni favola che si rispetti, non tutto è come sembra e quando il lieto fine appare ormai dietro l’angolo succede di tutto e tutto viene rimesso in discussione.

Sensualità: Recensione: Editing:

Our Score

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA