Recensione “Adam” di Giovanna Roma

 

 

 

 

 

trama

Ho sempre saputo come sarebbe stata la mia vita.

La mia storia è stata scritta da qualcun altro e non è certo una trama felice.

 

Solo. Letale. Killer.

Circondata dalla feccia della società. Dipendente. Vuota.

 

Niente legami. Fuori dal lavoro non esiste una vita vera per me.

Soltanto il baratro.

 

Tutti si proclamano innocenti, finché il mio proiettile non decide per loro.

Io vedo cosa nascondono dietro la maschera. Li scopro animali.

 

Poi qualcuno si mette in mezzo e complica le cose.

Qualcuno mi ha urlato in faccia e sono stata costretta ad affrontare i mostri nella mia testa.

 

Inizia la caccia.

Inizio la fuga.

 

Ora un bivio cambierà per sempre ciò che sono.

Ora tutto sarà diverso. Finalmente sarò solo io e nessun’altra.

 

recensione

Il primo libro che ho letto di quest’autrice è stato “La mia vendetta con te”, mi era piaciuto, ma non l’avevo amato alla follia, per cui, prima di iniziare a leggere questa serie, mi sono presa del tempo per rifletterci su.

L’ho iniziato ieri sera e in poco meno di ventiquattro ore era finito… Direi che questa volta l’autrice ha centrato il bersaglio. Amo il genere Dark in tutte le sue sfumature, mi piace il mistero, mi piace il potere che uno dei due protagonisti detiene, mi piace il lato oscuro della storia, in sostanza, mi piace il cattivo!

In questo libro il cattivo è uno spietato killer, un killer da un passato oscuro che torna a galla, un killer che per raggiungere il suo obiettivo è capace di uccidere a sangue freddo chiunque si metta sul suo cammino, fino a che non arriva lei…

Eleanor, spogliarellista, un passato da inferno, lei che non sa cosa significhi la spensieratezza di essere una bambina, lei che per salvare la sorella ha scalato le rocce più ripide, lei che riesce a tenere testa a uno degli uomini più spietati del pianeta. Un mix di femminilità e determinazione che elevano l’essere donna ad un gradino superiore, una bomba sexy che riuscirà a scalfire il cuore di ghiaccio che è nel petto del suo assassino.

Un libro che ti tiene sulle spine dalla prima all’ultima pagina, e ti lascia con gli occhi sgranati e il cuore che galoppa una volta arrivata alla conclusione.

Voglio sapere come va a finire… Quella che ho letto non può e non deve essere la realtà.

Ben scritto, scorrevole, s’inciampa in qualche refuso, ma niente di grave o di incomprensibile.

Bel lavoro, uno di quei libri che ti mettono la voglia di leggere subito il seguito. Razov, aspettami che arrivo.

 

Sensualità: cuori4

Recensione: FirmaIceAngel2

Editing: mandy

Sharing is caring!

Our Score

One thought on “Recensione “Adam” di Giovanna Roma”

  1. Grazie di cuore per la recensione e per essere impaziente di leggere Razov. Anch’io sono in trepidante attesa di scoprire per quale squadra tiferai: #TeamAdam o #TeamRazov. 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA