Intervista a Sonia Gimor

 

 

 

 

intervista

–      A CHE ETA’ TI SEI APPASSIONATO ALLA LETTURA?

Ho iniziato a leggere da piccolina. La lettura mi è sempre piaciuta, e fin da bambina ho sviluppato una predilezione per il genere rosa. Mi ricordo ancora la collana delle “ragazzine” della Mondadori. Mi piaceva un sacco!

–      QUANDO HAI COMINCIATO A SCRIVERE?

A ventidue anni. Era un pomeriggio piovoso e, non so bene perché, ma ho preso un quaderno e una penna e ho iniziato a scrivere.

–      COME E’ NATA LA DECISIONE DI INIZIARE A SCRIVERE?

È nata un po’ da sé. Poi è continuata perché ho passato quasi tre anni dentro e fuori dalla pediatria per un problema ai polmoni del mio bimbo, e nelle infinite ore chiusa in una stanza di ospedale, la scrittura è diventata terapeutica.

–      COME NASCONO LE STORIE DI CUI PARLI? A COSA TI ISPIRI?

A volte basta la frase di una canzone, o la scena di un film. Altre volte esperienze dirette che decido di voler imprimere sulla carta, come la storia che sto scrivendo.

–      MOLTI AUTORI SOSTENGONO CHE MENTRE IL RACCONTO PRENDE FORMA SONO I PERSONAGGI STESSI CHE TI PARLANO E TI INDICANO LA STRADA DA SEGUIRE… SENTI ANCHE TU LE VOCI NELLA TESTA?

Più o meno, in effetti! Io scrivo una trama dettagliata, capitolo per capitolo, ma quando effettivamente mi immergo nella stesura della storia, i personaggi agiscono in modo anche molto diverso da come mi sarei immaginata. A volte perfino andando contro la mia volontà. Li lascio fare, comunque. Se mentre scrivo le cose prendono una direzione inaspettata, ritengo sia giusto seguirla.

–      COME HAI CAPITO CHE IL TUO GENERE LETTERARIO ERA QUESTO?

Sono una romanticona, in realtà. Ho sempre prediletto le letture rosa, e nella scrittura le mie preferenze non hanno cambiato rotta.

–      QUANDO LEGGI UN LIBRO, NEL DARE IL TUO GIUDIZIO TI PONI COME SEMPLICE LETTORE O COME SCRITTORE?

Bella domanda. Cerco approcciarmi alle letture rilassata, con il solo scopo di passare delle ore piacevoli, ma ammetto che l’occhio cade su certi aspetti stilistici o di forma che ormai noto anche se non vorrei.

–      COSA PENSI A RIGUARDO DELL’ANNOSO DILEMMA C.E. VS SELF?

Penso che siano due facce della stessa medaglia. Ogni forma di pubblicazione ha i suoi pro e i suoi contro. L’importante credo sia sempre rispettare il proprio lavoro e non “svenderlo” al miglio offerente solo per poter dire di essere presenti in libreria.

–      COME VEDI IL TUO FUTURO DI SCRITTORE? RIMARRAI FEDELE AL TUO GENERE O HAI VOGLIA DI SPERIMENTARE CON QUALCOSA DI NUOVO?

Rimarrò sicuramente nel mio genere, ma mi piacerebbe cimentarmi in uno storico e, perché no, su un fantasy.

–      TRA I LIBRI CHE HAI SCRITTO, QUAL E’ QUELLO CHE HAI AMATO DI PIU’ E PERCHE’? CE NE PARLI?

Credo che il più importante per me sia la duologia di Luca e Giulia (la mia gara con te – La mia vita con te) perché ci ho lavorato per anni e tengo molto al percorso personale che la protagonista ha compiuto per liberarsi del suo passato. In questo sport-romance si parla di pattinaggio artistico, ma soprattutto di una rinascita e una rivincita. Di un riscatto da un passato di violenza che Giulia affronterà con l’aiuto di Luca, il suo allenatore.

–      CHI SONO I TUOI AUTORI PREFERITI? QUALI QUELLI CHE TI HANNO ISPIRATO MAGGIORMENTE?

La preferita in assoluto romane la SEP. La sua serie Chicago Stras è illuminante, secondo me. Poi ci sono moltissimi autori che stimo, italiani e non.

–      UN CONSIGLIO SPASSIONATO AD UN AUTORE EMERGENTE?

Piedi per terra, umiltà, impegno e costanza. Fino a che non si prova a scrivere un libro, non si può capire il duro lavoro che si nasconde in quelle duecentocinquanta pagine. Però consiglio anche di buttarsi, di seguire il proprio istinto e di godersi le belle emozioni che la scrittura regala.

–      CI RACCONTI QUALCOSA DI CURIOSO SU TE STESSO?

Di curioso posso dirvi che ho una relazione strettissima con la Nutella. Guai se manca in casa Gimor! E, a proposito del mio pseudonimo, vi svelo che “Gimor” non è il mio cognome, bensì nasce dall’unione del cognome mio e di mio marito (Girolamo – Moretto).

 

Grazie infinite per lo spazio che sempre mi dedicate e grazie alle lettrici che vorranno dedicare qualche minuto alla lettura di questa intervista!

Our Score

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA