Intervista a Gaby Crumb

 

 

 

intervista

 

 

–      A CHE ETA’ TI SEI APPASSIONATO ALLA LETTURA?

–      Da adolescente, con i libri fantasy. Me ne avevano regalato uno per un compleanno e da allora non ho più smesso di leggere.

–      QUANDO HAI COMINCIATO A SCRIVERE?

–      Prima ancora di appassionarmi alla lettura. Ero alle scuole medie.

–      COME E’ NATA LA DECISIONE DI INIZIARE A SCRIVERE?

–      Per necessità credo. Ero molto chiusa e molto insicura. Scrivere mi dava forza e rimetteva tutto in equilibrio. Ed è ancora così infondo.

–      COME NASCONO LE STORIE DI CUI PARLI? A COSA TI ISPIRI?

–      Non mi ispiro a nulla in realtà. Nascono in modo molto istintivo. Possono nascere ascoltando una canzone così come lavando i pavimenti a casa. Sono molto lunatica e lo è anche la  mia musa.

–      MOLTI AUTORI SOSTENGONO CHE MENTRE IL RACCONTO PRENDE FORMA SONO I PERSONAGGI STESSI CHE TI PARLANO E TI INDICANO LA STRADA DA SEGUIRE… SENTI ANCHE TU LE VOCI NELLA TESTA?

–      Voci? C’è un gran casino nella mia testa. Alcune volte parlano in pochi e va bene… altre volte sembra di stare ad un rave dove tutti fanno casino.

–      COME HAI CAPITO CHE IL TUO GENERE LETTERARIO ERA QUESTO?

–      Guarda io sono molto istintiva quando scrivo. Non penso alle mie storie, non faccio scalette, non programmo nulla.  Scrivo dell’amore e per me due uomini che si amano sono bellissimi. Spesso si ha la convinzione che la donna sia la parte dolce della coppia e si perdono infinite sfumature del modo di amare di un uomo, della sua sensibilità. Scrivere il gay romance non è stata una decisione vera e propria, non è stata neppure una lampadina che si è accesa per cui mi sono detta “ ah però scriviamo questo genere qui”. È stato solo istinto, come ogni mia storia. Magari domani mi sveglio e ad ispirarmi è l’amore di un uomo e una donna…  tra un mago ed un elfo… chi lo sa…

–      QUANDO LEGGI UN LIBRO, NEL DARE IL TUO GIUDIZIO TI PONI COME SEMPLICE LETTORE O COME SCRITTORE?

–      No quando leggo un libro che mi piace, che mi emoziona sono una lettrice.

–      Se il libro non mi piace, provo a finirlo e se non ci riesco lo abbandono ma non mi metto a valutare cosa o come lo avrebbe dovuto scrivere, non penso a come lo avrei scritto io.

–      COSA PENSI A RIGUARDO DELL’ANNOSO DILEMMA C.E. VS SELF?

–      Domanda complessa. Le case editrici sono molto importanti. Danno sicurezza al lettore e spesso anche all’autore. Sono un grandissimo trampolino di lancio se si è fortunati tanto da trovare una buona casa editrice.  Il self è più grezzo da quel punto di vista, sei da solo e ti prendi le gioie e i dolori da solo. Devi pensare alla copertina, alla revisione, all’editing  e spesso sei autodidatta o con il supporto di amici  che ti danno una mano come possono. Una revisione professionale costa e non tutti agli inizi possono permettersela. Però devo dire che ti fa anche crescere tantissimo. Impari dai tuoi errori, a volte non subito, a volte fai solo dei piccoli passi e altre volte fai un passo indietro ma va bene così secondo me perché tutto ti aiuta a migliorare. Ci vorrebbe solo un pochino più di umiltà da parte di tutti.

–      COME VEDI IL TUO FUTURO DI SCRITTORE? RIMARRAI FEDELE AL TUO GENERE O HAI VOGLIA DI SPERIMENTARE CON QUALCOSA DI NUOVO?

–      Io ho sempre voglia di sperimentare. Ho tantissime storie iniziate e mai finite. Altre finite ma che ancora non mi sono sentita di pubblicare.

–      TRA I LIBRI CHE HAI SCRITTO, QUAL E’ QUELLO CHE HAI AMATO DI PIU’ E PERCHE’? CE NE PARLI?

–      Ma non lo so, allora è come una madre che ha dei figli. A quale vuoi più bene? Non è crudele chiederlo? Io sono legata a ognuno dei miei libri per motivi diversi, in ognuno di loro c’è una parte di me, del mio carattere, dei miei pensieri, delle mie convinzioni. Sono legata a Dove finisce il cielo per la sua profondità e poi perché è iniziato tutto da quella storia. Sono legata a Dark Room e Sotto la Cenere  ma anche a Silent Love e all’ultimo uscito Anime Fragili per gli argomenti toccati, per il messaggio che vorrei trasmettere, perché rappresentano le mie convinzioni, ciò che vorrei cambiare. A Un attimo ancora perché lì mi sono messa alla prova con uno stile di scrittura che non sento sotto la pelle e poi la serie Red…. Come posso non amare le mie ombre?

–      CHI SONO I TUOI AUTORI PREFERITI? QUALI QUELLI CHE TI HANNO ISPIRATO MAGGIORMENTE?

–      Parlando di gay romance sicuramente Cardeno, Calmes e Amy Lane. Fuori dal gay romance Shakespeare e Bukowski . Poi gli autori di libri fantasy, non tutti ma molti…

–      UN CONSIGLIO SPASSIONATO AD UN AUTORE EMERGENTE?

–      Quando non mi sentirò più un autore emergente anche io te lo dirò… A parte tutto però posso dire una sola cosa. Se scrivere è una necessità, se ti fa stare bene allora scrivi, poco importa se deciderai di pubblicare o meno. Io scrivo da quando avevo tipo 11 anni e ho pubblicato  che ne avevo 37…

–      CI RACCONTI QUALCOSA DI CURIOSO SU TE STESSO?

–      Sono estremamente noiosa in realtà. Sono pantofolaia e molto pigra. Lunatica in modo assurdo ma non tanto nell’umore quando proprio nelle cose di ogni giorno. E poi mi sveglio nel cuore della notte con i lampi di genio, a volte penso davvero che il mio cervello viva in una realtà spazio tempo completamente separata dal mio corpo. Non mi sto dietro neppure io.

Our Score

Sharing is caring!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA